045 8104222
info@mobiliditalia.it info@mobiliditalia.it
entiria spa credits

Mobiliditalia.it, il portale dei distretti del mobile

Il mobile: sfida nel tempo!
Il mobile ha origine storiche che risalgono ai tempi degli egizi, (tavoli, letti, cassoni, sedie, troni, sgabelli).
La storia del mobile la si può definire in modo preciso a partire solo dal XV secolo quando individuano anche attraverso alcune uniformità di orientamenti stilistici il riferimento al periodo, per esempio di riconoscono alcune raffigurazioni di vari tipi di mobili - troni, sedie, letti, tavolini - sui vasi greci.

Tabella cronologica Italia   Tabella cronologica Francia
da 1400 a 1450 Gotico internazionaleda 1450 a 1490 Primo Rinascimentoda 1490 a 1550 Pieno Rinascimento
da 1550 a 1600 Tardo Rinascimento e transizione al Baroccoda 1600 a 1645 Primo Seicento
da 1645 a 1675 Barocco
da 1675 a 1740 Tardo Barocco
da 1740 a 1775 Barocchetto e Rococò
da 1775 a 1795 Neoclassico
da 1795 a 1805 Direttorio
da 1805 a 1830/40 Impero
da 1830 a 1855ca Luigi Filippo o Carlo Felice
da 1855 a 1880 Secondo Impero o Pieno Ottocento e Neogotico
da 1880 a 1900 stili Neorinascimentali in parallelo allo stile Floreale e Liberty Italiano
da 1900 a 1925 Liberty
da 1925 a - tendenze varie ispirate al Deco'
 
da 1400 a 1450 Gotico internazionale
da 1450 a 1515 Gotico internazionale
da 1515 a 1547 Transizione e Francesco Ida 1547 a 1610 Renaissance
da 1610 a 1643 Luigi XIII
da 1643 a 1715 Luigi XIV o Barocco
da 1715 a 1722 Reggenza e Rocaille
da 1722 a 1774 Luigi XV
da 1774 a 1792 Luigi XVI
da 1792 a 1804 Convenzione, Direttorio, Consolato
da 1804 a 1815 Impero (continuato anche dopo la caduta di Napoleone I)da 1815 a 1824 Restaurazione
da 1824 a 1830 Carlo X
da 1830 a 1852 Luigi Filippo
da 1852 a 1870 Napoleone III o Secondo Impero
da 1884 a 1910 ca
Art Nouveau
da 1910 a 1915 Decò

carmagnani
I primi materiali utilizzati furono dei vegetali (rami degli alberi, giunco, steli) per produrre contenitori o tavoli, oppure, pietra per sedili e tavoli.

In seguito, il miglioramento delle tecniche di lavorazione del legno, vide l'utilizzo di tale materiale come principale componente per la costruzione dei mobili.

Si conoscono mobili costruiti nei materiali più disparati quali:
• Legno/legni
• Pietra, marmi e graniti
• Ferro e metalli
• Minerali quali gesso, calce, cemento
• Vetro
• Ceramica
• Cuoio, ossa e pelli di animali, avorio
• Materie plastiche (dalla loro invenzione nei tempi moderni) o la combinazioni di alcuni di essi.

La scultura del legno sottostava alle stesse regole di quella della pietra; gli strumenti utilizzati erano scalpelli, sgorbie, punteruoli, puntoni, mazzuoli e poteva essere:
• intaglio piatto o champlevé: consiste nello scavare il fondo e lasciare in rilievo il disegno piatto che veniva rifinito con punzonatura, stucco e ferro rovente
• intaglio basso, mezzo, alto rilievo: definito in relazione della differenza dei vari piani del disegno;le figure erano successivamente modellate sui contorni assumendo tridimensionalita'
• a tutto tondo: la figura viene totalmente scolpita in modo che risulti leggibile da tutte le direzioni.

La progettazione di un mobile, specie se di stile innovativo o ricercato, ha sempre rivestito grande importanza. Grandi disegnatori e grandi architetti hanno disegnato i più bei mobili che conosciamo.

E' però dall'inizio degli anni sessanta del Novecento che i designer sono diventati sempre più presenti, importanti e necessari ad un'industria del mobile che, pur realizzando una produzione di massa, punta ad un prodotto e ad un'immagine di qualità.

La funzione del design nella progettazione di un mobile deve sottendere a:
• Analizzare e realizzare la funzione
• Massimizzare l'ergonomia
• Innovare nello stile
• Innovare nei materiali
• Massimizzare la qualità
• Incorporare l'industrializzazione
• Veicolare un'immagine positiva o gratificante
• Valutare i costi.

Nel secondo dopoguerra, in Italia, si è affermato - anche a livello internazionale - uno stile, un'industria e vari "designers" che hanno dato corpo e lustro ad un settore caratterizzato da punti di concentrazione produttiva localizzata in alcune aree:
• Brianza con centro principale a Cantù, in provincia di Como;
• Provincia di Pisa a Ponsacco e a Cascina;
• Cerea, nella Bassa Veronese.

CassettoneCucinaIntarsioLavorazione
Lavorazione
Legno
Poltrona
Salotto